giovedì 26 febbraio 2009

Donna-Schiava

Non so se sarai
Mia,
non so quando
questo
succederà,
so che sei
forse, ciò che
potrà fermare
la Mia
continua ricerca,
la Mia
continua insoddisfazione,


Lo desidero?
lo desideri?

So che
quando,
se ciò accadrà,
ti troverò
ai Miei
piedi


pronta a chiedermi
di AppartenerMi,
sarà
l'inizio di questo
percorso,
difficile,
duro,
in salita,
ma, prima di ciò,
colei che voglio
conoscere
e apprezzare,
con la quale
voglio
sorridere,
ridere,
parlare,
giocare,
è
la femmina

la Donna

solo e solo allora,
quando IO
conoscerò te
e tu conoscerai
Me,
potremo intraprendere
questo percorso,
e solo allora
vorrò
fortemente
che tu
sia




la Mia Schiava
ed io

il tuo Maestro



Oeil du Maitre

11 commenti:

  1. ..cuore che nel leggerVI ha ingoiato emozioni che hanno urlato allo stomaco di contrarsi..pulsare incessante di pesieri segreti da TE così compresi senza mai averli esternati che invadono i meandri della mente di una donna che nell'anima vuole essere una schiava..o la TUA schiava quella dell'uomo prima di tutto e poi del Padrone felice di divenire un giorno l'essenza dell'appartenerTI.

    RispondiElimina
  2. Sir: ) ma cosa leggo sul Suo profilo? Un mostro? Lei? Non ci credo! : ) Sa che ancora devo abituarmi a venire direttamente qui? Ogni volta vado nella Sua vecchia casa....alla quale sono affezionata : )Un sorriso e dolce notte : )
    Lina.

    RispondiElimina
  3. la Mia mente sobbalza a leggere tanto piacere e tanto desiderio, la donna e la schiava devono essere un tutt'uno, per donare al Maestro ciò che senti di poter fare, con tutta te stessa e con tutte le emozioni che si leggono in questo stupendo commento....

    RispondiElimina
  4. Miss.... benvenuta nel Mio piccolo regno, anche a me manca la mia vecchia casa, ma credo che sia meglio respirare aria nuova ogni tanto, libera da certi condizionamenti che niente hanno se non becera bigotteria, sono riuscito a riavere il mio vecchio proflio ma ora questa è la mia nuova casa e farò in modo che diventi confortevole ed accogliente più della precedente, con il vostro sempre stupendo contributo....
    forse non sono un mostro, ma potrei essere un demone, che altri non è che un angelo al quale hanno tolto le ali, ma che cerca di insegnare agli altri a volare alti, sopra dai pregiudizi e dalle paure...
    è sempre un piacere vederti qui torna a trovarmi

    RispondiElimina
  5. sorrido...come ho sempre pensato...solo quando incontri la schiava perfetta..cio che percepisci puo portarti a oltrepassare le barriere ..ogni barriera...la tua mente spicca il volo..e i tuoi pensieri diventano ...arte pura da ammirare un daimon che atterrisce per cio che puo fare di bene e di male....e per essi io ti porgo i miei omaggi....
    Jamais

    RispondiElimina
  6. Jamais, è sempre un piacere averti qui, come visitatrice, definire la mia arte pura, forse è esagerato, ma del tuo omaggio mi fregio orgoglioso, e lo conserverò nei miei più intimi sogni...
    a presto

    RispondiElimina
  7. SCHIAVA VUOL DIRE ARTE

    RispondiElimina
  8. Stupendo pensiero Maestro...la Slave è in prima linea Donna e Femmina

    RispondiElimina
  9. desidero riportare un concetto di Sartre:

    L'altro è, in Sartre, vissuto come antagonista ("l'inferno sono gli altri" scrive Sartre ), in quanto relativizzando il mio punto
    di vista limita la mia libertà: il suo 'sguardo' mi oggettiva, mi reifica, murandomi nelle sue stesse idee,
    nei suoi pensieri, nei quali i vengo solidificato, detenuto, dalle quali non posso evadere, sulle quali non ho potere.
    Tuttavia lo sguardo dell'altro, oltre che perturbante, è la garanzia della mia esistenza, la testimonianza che non sono una nullità.
    Scrive Sartre ne "Il rinvio": "che angoscia scoprire quello sguardo come un centro universale dal quale non posso evadere; ma che riposo,
    anche! So infatti di essere. Trasformo quel penso dunque sono e dico mi si vede dunque sono, colui che mi vede mi fa essere: sono come egli mi vede."

    credo sia l'essenza del rapporto Master-slave.
    Per me, è stato proprio così: difettosa corporalmente, ma diventavo bellissima e migliore di nuovo quando Lui mi vedeva così...!

    questa è l'unica redenzione possibile per le donne come me...!!!

    N.S

    RispondiElimina
  10. Quello che scrive mi attrae a tal punto da imbarazzarmi... cosa sta succedendo al mio corpo mentre leggo queste frasi? la parte piu intimamente profonda del mio ventre si contorce e la mia mente cerca di respingere tali sussulti...
    Nimoe81

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so cosa succede al tuo corpo, sensazioni fisiche che solo tu, o chi ti è di fianco in questo momento, potete conoscere, credo che però la cosa importante sia cosa succede alla tua mente, desiderio di inginocchiarsi e di sottometterti ad un Uomo, in modo tale che Lui possa fare uscire la tua parte più nascosta e selvaggia, quella che secoli d storia hanno cercato di occultare con un manto di perbenismo e di moralità, bigotteria, forse il tuo ventre si contorce perché leggendo queste Mie in fondo semplici parole, senti profondamente il desiderio di Appartenere, senza limiti e senza remore .....
      un sorriso
      Oeil du Maitre

      Elimina