mercoledì 15 luglio 2009

Schiava ai giorni nostri




Decidere di essere una schiava nel 21° secolo,
cioè fare la scelta di vivere come se
il tempo si fosse fermato a 500 anni fa,
richiede una serie di comportamenti
e di pensieri inderogabili ed indiscutibili.


A Mio parere, una donna che decide di essere schiava,
non ha nessun diritto di prendere decisioni,
perchè le stesse le affida alla persona a cui appartiene,
inoltre,
non ha nessuna volontà sua,
perchè diventa sua la volontà della persona a cui appartiene,
in sintesi,
non può avere nessuna scelta
ne nessuna possibilità di obiettare,
altrimenti decade senza deroghe
il suo desiderio di appartenere,
quasi come se fosse un
animaletto domestico,
che dipende in tutto e per tutto
dalla persona che si prende cura dello stesso........


Questo è ciò che penso e
questo deve essere la Mia schiava,e così IO ti voglio
non esistono Limiti
a quello che IO posso fare o desiderare,
non esistono obiezioni alle Mie scelte
ed ai Miei comportamenti,
se così non fosse,
non puoi neppure sperare di
AppartenerMi.




Oeil du Maitre

22 commenti:

  1. ...sorrido...e tu sai perche..
    sfioro le tue labbra con le mie dita...
    ombre.dans.l.eau

    RispondiElimina
  2. so il perchè, ma il tuo sorriso è sempre splendido da ricevere....
    bacio le tue dita con assolto piacere...

    RispondiElimina
  3. mi piace by Morgana

    RispondiElimina
  4. ti piace, è sicuramente un commento molto sintetico, ma questo in tutti i casi Mi fa piacere, trovare chi è d'accordo con il Mio pensiero è gratificante...
    un sorriso

    RispondiElimina
  5. trovo tutto questo intrigante e coinvolgente, ma difficile da attuare nella realtà, è molto più simile ad un sogno...

    RispondiElimina
  6. Nel ventunesimo secolo, scoprire di essere una schiava, scoprire di esserlo da sempre senza rendersene conto, non è facile. Scoprire di avere bisogno di un Padrone, di un solo Padrone, per essere felici, non è facile. Scoprire che per Il Padrone sei disposta a perdere tutto ciò che ti circonda e su cui basavi la tua esistenza, non è facile. Scoprire che non puoi più fare a meno di Lui, è sconvolgente. Nel ventunesimo secolo, dopo aver lottato per la parità, capire che non sei nulla senza il tuo Padrone, è terribile. Eppure nel momento in cui te ne accorgi sei felice.
    Vergine Troia

    RispondiElimina
  7. E' molto più difficile essere un buon padrone che una buona schiava, ed è molto più difficile dominare un cuore che un corpo. Un fennec che in Italia credonno volpe lo sa bene, nel suo deserto.

    RispondiElimina
  8. Anche ad essere cedute, c'è uno strano orgoglio, che sorge, dopo le lacrime. E rischiara un poco il dolore di essere date via.
    è sentirsi così tanto schiave, da essere cedute. è una cosa difficile da comunicare.
    è tutto scritto alla perfezione in "Histoire d'O"

    N.S

    RispondiElimina
  9. Cedute?Un vero Padrone non lo penserebbe mai,tanto meno lo farebbe....Altrimenti che senso ha Appartenere?Ogni schiava,deve sempre ricordare che ha una sua testa per ragionare...

    Una rosa tatuata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. appunto. appartieni talmente tanto a Lui, che Lui può cederti. Come e Quando vuole. anche a Chi vuole e non ti deve neppure dare spiegazioni. se non Gli appartenessi, non potrebbe farlo.

      Leggi a pagina 91 di "Storia di O":

      "il fatto che fosse a sua disposizione nel modo più assoluto, la libertà che aveva nei suoi confronti così come si è liberi di disporre di un mobile, con lo stesso piacere con cui si tiene, e a volte con un piacere ancora maggiore, si può regalare, O si rese conto che non l'avrebbe creduto del tutto"

      e a pagina 65:


      "eppure mai si era sentita più totalmente in balia di una volontà che non era la sua, più totalmente schiava, più felice di esserlo"

      Sono cose vere.

      N.S

      Elimina
  10. In linea di massima sono d'accordo con te, rosa tatuata, ma si deve sempre definire a Mio parere cosa si intende per cedere, se per cedere si intende a titolo definitivo, IO resto dell'idea che se non ci si può più occupare della schiava in questione, la soluzione migliore è lasciarla libera, così che lei, anche se è molto difficile, possa trovare un altro Padrone a cui sottomettersi,
    d'altra parte se per cedere si intende solo come uso saltuario, e non ripetibile ad oltranza, penso che questo possa essere plausibile, se è indirizzato alla crescita ed al miglioramento della schiava stessa, che resta a tutti gli effetti OGGETTO ad uso delle decisioni del proprio Padrone..
    un sorriso

    Oeil du Maitre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di avermi degnato di Interesse e Replica.

      Intendevo Cedere in senso definitivo..... sono cose molto tristi e strazianti, magari non per tutte, ma per me lo è stato, anche se ho tanti di quei rimpianti, delle cose che desideravo tanto offrirGli...nella realtà, non solo per mail, prima di essere data via!
      avrei desiderato piuttosto, che mi dasse l'opportunità di eseguirle, e poi darmi via, anche il secondo dopo averle fatte, pur di non lasciarmi sentire così, tra me stessa, schiava incompleta, perchè non ho avuto la possibilità di offrirGli dal vivo ciò che potevo solo per mail...!
      per fortuna che Lui una cosa me l'ha riconosciuta "fatta spiritualmente", data la lontananza geografica.

      Grazie per lo spazio concessomi.

      N.S

      Elimina
    2. Ciao Oeil du Maitre,
      sono una donna di 47 anni ,ancora giovanile e piacente.da tanto tempo sentro dentro di me una attrazione verso la sottomissione ,sento che avrei tanto bisogno di un padrone che mi guidi ,ma a tutt'oggi non ho mai trovato il coraggio o forse l'opportunità di iniziare il cammino, sono dibattuta fra la paura di soffrire e il desiderio di compiacere al volere del mio Dominus ....vorrei avere un aiuto da te ,qualche consiglio....grazie infinite per l'attenzione che vorrai dedicarmi

      Elimina
    3. ciao a te, so cosa significa il desiderio di sottomissione, e so cosa significa il timore di non essere all'altezza, per quello che posso, sono sempre pronto ad aiutare, ed a dare consigli, ma non essendo un Professore e non amando troppo pontificare, preferisco che Mi vengano chieste cose specifiche, nel caso anche tramite la Mail, eventualmente l'esporlo in pubblico possa creare problemi....
      in attesa, un sorriso, un poco sornione

      Oeil du Maitre

      Elimina
  11. le sensazioni più grandi, più belle, più esaltanti, le ho vissute quando ho trovato LUI, il mio Padrone... adesso non c'è più... dolore nel dolore...ma quello che mi ha dato è stato così completo che mi ha trasformata per sempre... da ridicola donnetta a femmina schiava completa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come non darti ragione! è proprio così che è.

      Elimina
  12. Lo vivo ogni giorno 24/7 da ormai 5 anni.
    E' stata la scelta più importante della mia vita quella di donarmi a Lui.
    Ho cambiato città, lavoro, mi sono allontanata da famiglia e amici ma la mia unica casa è dove è Lui.La mia vita è Lui.
    Oggi sono felice, libera di essere me stessa........anche nel 21 secolo
    Un saluto e un ringrazamento per le bellissime parole che mi hanno regalato emozioni.
    rotondetta

    RispondiElimina
  13. ma quanto siete frustrati ... ometti che vengono umiliati tutto il giorno dal capo , dalla moglie , dalla suocera e magari anche dal cane ...che cercano la schiava perche' e' l'unica maniera per ottenere attenzione .
    E donne , troppo limitate o troppo stupide per avere l'affetto che cercano , che disperatamente cercano attenzioni offrendo l'unica cosa che possono offrire : la loro presenza ebete .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. probabilmente il tuo rancore e invidia nasce dal non sapere importi a donne che offrirebbero tutte se stesse anche a te, se tu ne fossi degno, e capace di attirarle.
      Ma il fascino non è per tutti.

      Elimina
  14. ma che simpatico commento, anonimo, senza nemmeno il coraggio di essere firmato, tanto per chiarire, non ho un cane, sono molto spesso in giro per il mondo per lavoro, che è senza nessun capo, essendo IO il capo di Me stesso, e non ho mai cercato una schiava, è sempre stata lei a cercare Me, in tutti i casi, rispetto il tuo parere, ed il tuo modo di vedere le cose, cosa che invece tu non sembri fare, ma mentre tu hai sempre la possibilità di non venire a leggermi, e di non commentare con frasi fatte ed anche stupide questo Blog, io per scelta ho deciso che lascio anche le cretinate, perché ho la mente sufficientemente aperta per confrontarMi anche con chi non la pensa come Me.
    un sorriso

    RispondiElimina
  15. buona sera...mi permetta di entrare in punta di piedi in casa sua.mi presento sono deanna,ho 45 anni,da poco ho intrapreso questa sconvolgente e intrigante avventura,il mio padrone è giovane(35)ma ha saputo subito cosa cercavo....mi stà rapendo la mente e questo mi piace da impazzire, mi stà portando ad un livello mentale che avevo sperimentato, ma non fino in fondo...non sò fino a che punto riuscirò a sottomettermi,ma la cosa non mi fà dormire la notte ,è sempre nei miei pensieri in attesa di come sarà la prossima volta!mi sento viva,mi sento desiderata,mi sento bella,mi curo maggiormente,perchè quando mi incontrerà di nuovo ,voglio essere perfetta!con stima sincera.. deanna

    RispondiElimina